Ha assistito alla cacciata di sua madre dalla famiglia quando era ancora giovane: è poi riuscita a vincere un Oscar

Dopo la sua performance in Monster’s Ball, l’attrice Halle Berry ha vinto un Oscar diventando la prima donna afroamericana a ricevere questo prestigioso premio.

Nata il 14 agosto del 1966 a Cleveland, Ohio, come figlia più giovane di Jerome e Judith Berry, una coppia interrazziale, l’infanzia di Berry è stata piena di sfide.

Nei primi anni ’70, suo padre ha abbandonato sua madre, che ha trasferito la famiglia nella periferia prevalentemente bianca di Cleveland, Bedford.

L’unica volta che ha parlato di suo padre è stata nel 1992, quando ha detto: “Non ho avuto sue notizie da quando se ne è andato. Forse non è più in vita.”

Studiando in una scuola frequentata quasi solo da bianchi, è stata vittima di discriminazione e bullismo.

Tuttavia, il confronto con il razzismo fin da giovane non ha spezzato il suo spirito, ma l’ha resa più forte e determinata a raggiungere la grandezza nella vita.

Durante il liceo, Berry ha partecipato a molte attività extracurriculari ed è stata redattrice del giornale, presidente di classe e capo cheerleader, tra le altre cose.

Poco dopo, ha intrapreso una carriera da modella, finendo come prima classificata nel concorso di Miss USA nel 1985.

Berry si è trasferita a New York, dove ha lavorato come modella prima di ottenere un ruolo in Living Dolls, seguito da un ruolo nel dramma televisivo in prima serata di CBS Knots Landing.

Berry ha ottenuto la sua grande svolta interpretando la defunta Dorothy Dandridge in un film HBO sulla cantante. Per questo ruolo, ha vinto un Emmy e un Golden Globe.

“Ricordo di aver vinto il Golden Globe e pensato che questo fosse l’apice della vita.

Avevo un matrimonio, avevo una figlia, avevo questi premi. Avevo reso omaggio alla mia eroina (Dandridge).

Pensavo che la mia vita fosse troppo bella per essere vera. L’ho detto così tante volte, si è rivelato che era davvero troppo bello per essere vero.”

Durante la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, la sua carriera è andata solo in crescendo e ha ottenuto ruoli in diversi film di rilievo, tra cui l’adattamento cinematografico della serie a fumetti degli X-Men.

È apparsa come Storm in X-Men (2000), X2: X-Men United (2003), X-Men: The Last Stand (2006) e X-Men: Days of Future Past (2014).

Ha recitato anche in Swordfish e Die Another Day, tra gli altri. Oltre ad essere un’attrice, Berry è anche imprenditrice e ha lanciato la sua linea di profumi nel 2009.

È stata ambasciatrice per diversi marchi, come Revlon, Versace e Michael Kors, e ha sostenuto cause benefiche legate alla violenza domestica, alla ricerca sul cancro e alla sensibilizzazione sulla salute mentale.

Nel 2020, Berry, madre di due figli, ha esordito come regista con il film Netflix Bruised, che racconta la storia di una lottatrice di MMA screditata che cerca la redenzione e cerca di riconquistare la custodia del figlio.

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Ha assistito alla cacciata di sua madre dalla famiglia quando era ancora giovane: è poi riuscita a vincere un Oscar
Il padre scopre che sua figlia aveva bullizzato una ragazza, così decide di regalare alla vittima una spesa pensata per sua figlia