Il viaggio a casa con il figlio disabile si trasforma nel “peggior incubo” della mamma

Navigare in aree pubbliche non è sempre facile per coloro che hanno sfide fisiche.

Anche se l’Americans With Disabilities Act richiede che i luoghi pubblici siano accessibili ai disabili, possono comunque sorgere ostacoli.

La madre Monica Ward Scharrer ha sperimentato le difficoltà di viaggiare con la pesante sedia a rotelle di suo figlio.

Lei e suo figlio Chris amano uscire, specialmente per vedere le partite delle loro squadre sportive preferite, ma è stressante quando le cose non vanno come previsto.

Monica e Chris erano entusiasti di poter vedere una partita dei New York Rangers, specialmente considerando quanto amano l’hockey.

Sono saliti sul treno senza intoppi, entusiasti di vedere la squadra scendere in campo. Hanno trovato i loro posti, si sono sistemati e si sono divertiti molto.

Ma è stato il viaggio di ritorno che si è rivelato difficile per la coppia, con Monica che dice: “Si è verificato il nostro peggior incubo…”

Quando hanno lasciato la partita, hanno scoperto che l’ascensore che li avrebbe portati dal livello della strada alla piattaforma della stazione di Penn non funzionava.

La sedia a rotelle di Chris pesa 350 libbre, quindi avevano disperatamente bisogno di un ascensore.

Monica si preoccupava di come far scendere suo figlio nella metropolitana e in tempo per prendere il treno per tornare a casa. Ed è lì che è venuta incontro al suo angelo custode…

Il poliziotto Mears stava casualmente passeggiando per la zona ed era felice di dare una mano. Era buio e la zona iniziava a brulicare di tifosi che tornavano a casa.

Monica ha descritto l’ufficiale come un “essere umano meraviglioso”. Ha scortato Monica e Chris in giro fino a quando non hanno trovato un ascensore funzionante.

Poi l’agente Mears ha personalmente guidato la coppia verso la Long Island Rail Road, ha chiesto a quale binario sarebbero stati e ha camminato con loro fino alla loro piattaforma del treno.

Ha persino allestito la rampa per Monica, regalandole una piacevole pausa.

Chris è riuscito a salire sul treno prima che la folla di passeggeri scendesse sulla piattaforma.

Monica ha ringraziato profusamente l’agente Mears che le ha poi confessato qualcosa di molto dolce.

“Mi ha detto che ha lavorato con i disabili per sei anni prima di diventare un poliziotto e che è lì che è il suo cuore.

Non posso dire abbastanza su quanto sia meraviglioso questo agente per mio figlio e per me. In pratica ha spostato una montagna per noi! Amo quest’uomo e ciò che rappresenta dell’umanità.”

Poco dopo, Monica ha deciso di pubblicare la sua storia sulla pagina Facebook di Love What Matters, che è stata condivisa più di 1.300 volte.

A volte sono gli atti di gentilezza più piccoli che significano di più, e ci sono sicuramente molti agenti che fanno la differenza in questo mondo.

Che benedizione sia stato l’agente Mears per questa mamma e suo figlio nel momento del bisogno!

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il viaggio a casa con il figlio disabile si trasforma nel “peggior incubo” della mamma
Dopo che il gatto è stato rimosso, i clienti hanno deciso di non effettuare alcun acquisto lì