Una mamma single di 13 figli ha partorito quadrupletti a 65 anni e ha ricevuto critiche da parte dei detrattori per questo

Annegret Raunigk, madre di 17 figli, ha sorpreso il mondo con l’annuncio dell’anno scorso secondo cui aveva subito un trattamento per la fertilità ed era in attesa di quattro figli all’età di 65 anni.

Tuttavia, le persone si sono divise tra ammirazione per la sua resilienza e stupore su come avrebbe gestito l’allevamento dei bambini nella sua età avanzata.

Una donna tedesca di 65 anni ha partorito con successo quadrupletti attraverso l’inseminazione artificiale. Annegret Raunigk ha dato alla luce tre maschi e una femmina tramite taglio cesareo.

È da notare che Annegret Raunigk, che aveva già 13 figli e sette nipoti, ora detiene il titolo di donna più anziana al mondo ad aver partorito quadrupletti.

La sua storia ha attirato notevole attenzione quando la stampa ha rivelato la straordinaria notizia della sua gravidanza multipla.

In quel momento, ha menzionato che la sua decisione di avere un altro figlio era stata influenzata dal desiderio della sua figlia più giovane di avere un fratellino o una sorellina, che aveva nove anni.

Raunigk, la cui figlia più grande ha 44 anni, ha espresso il suo shock iniziale quando i medici le hanno informato della gravidanza quadrupla.

Tuttavia, ha chiarito che non ha mai considerato di ridurre il numero di embrioni e ha affrontato la sfida con determinazione ferma.

“Non ho davvero paura. Semplicemente assumo che rimarrò sana e in forma. In materia di organizzazione ho abbastanza esperienza, non è nuovo per me”, ha detto.

È da notare che Raunigk aveva già fatto scalpore un decennio fa quando ha dato alla luce il suo 13° figlio, Lelia, all’età di 55 anni.

Raunigk ha affrontato accuse di comportamento irresponsabile a causa del fatto che avrà oltre 70 anni quando i quadrupletti raggiungeranno l’età scolare.

Tuttavia, ha scelto di respingere le critiche, affermando: “Non puoi mai sapere cosa succederà. Anche a 20 anni possono succedere cose. Sta a ciascun individuo decidere quando diventare genitore”.

Durante la sua gravidanza, ha espresso la convinzione che tutti dovrebbero avere la libertà di condurre la vita che desiderano.

Quando interrogata su eventuali preoccupazioni, la signora Raunigk ha dichiarato la sua fiducia nel mantenere la sua salute e forma fisica, sottolineando che non era preoccupata dalle opinioni degli altri.

Non tutte le cliniche praticano la fecondazione in vitro per le donne anziane per ragioni sociali.

I medici menzionano che non tutte le cliniche offrono effettivamente trattamenti di fecondazione in vitro a donne oltre i 50 anni, principalmente per ragioni sociali.

“Dobbiamo considerare il benessere del bambino quando prendiamo una decisione”, afferma un medico.

È alla fine responsabilità delle singole cliniche determinare se una donna, che all’età di 65 anni potrebbe ragionevolmente aspettarsi di vivere altri 20 anni circa, dovrebbe essere idonea al trattamento.

“Non c’è alcuna regolamentazione che dica che non puoi trattare una donna più anziana di una certa età. Non c’è un’età massima, ma dovrai prendere in considerazione il benessere del bambino”, aggiungono i medici.

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Una mamma single di 13 figli ha partorito quadrupletti a 65 anni e ha ricevuto critiche da parte dei detrattori per questo
L’atroce storia dietro una fotografia di un bambino di 6 anni che saluta la sua sorella morente