Il bambino ”mostro” lasciato in un orfanotrofio dalla sua stessa mamma che non voleva crescerlo

Nato da una donna esposta alla radiazione della tragedia di Chernobyl, Tim Mason è nato senza le gambe e un braccio sinistro.

Poco dopo la sua nascita, sua madre lo ha abbandonato in un orfanotrofio perché non lo voleva.

Ora è conosciuto con il nome di ”One Limb Tim” su TikTok

e ha come missione mostrare al mondo che un solo arto è sufficiente per fare la differenza, ispirando e incoraggiando molti altri con la sua positività nonostante le sue evidenti disabilità fisiche.

“Quando sono venuto al mondo, ero così. Ero a metà, ma delizioso”, spiega Tim della sua nascita da una donna esposta alla radiazione a causa di un’esplosione nucleare chiamata Chernobyl.

Sua madre biologica aveva detto che non voleva crescere un mostro.

Sentire quelle parole all’inizio ha ferito Tim, ma dice che, se davvero fosse stato un mostro, sarebbe stato il mostro più amichevole.

“Sono molto grato perché mi ha dato la possibilità di essere dove sono oggi nella vita. Penso che, se fosse stato diverso, non avrei avuto la libertà e l’indipendenza di essere chi sono ora”.

È grato alla sua madre adottiva per averlo aiutato a essere come è,

indipendente e vocale riguardo ai suoi bisogni e per averlo trattato come qualsiasi altra persona normale che deve svolgere compiti quotidiani come pulire, cucinare e andare a scuola.

“Sì, ho una disabilità, ma non permetterò che questo mi fermi e non userò questo come motivo per non alzarmi e provare”.

Dietro alla persona su una sedia a rotelle ci sono molte altre cose che accadono nella loro vita e lui crede

che vederli oltre le loro disabilità fisiche e oltre l’idea preconcetta che non possano fare nulla farebbe molto per rendere la loro vita molto migliore.

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il bambino ”mostro” lasciato in un orfanotrofio dalla sua stessa mamma che non voleva crescerlo
Il coraggioso discorso di un bambino di 4 anni ai suoi insegnanti vi lascerà ispirati