Il marito guarda mentre la moglie viene staccata dal supporto vitale, ma poi lei si gira e dice “portami via da qui”

Prendere una decisione su se staccare il supporto vitale a qualcuno che si ama profondamente quando le prospettive sono scarse deve essere la decisione più difficile che si possa mai prendere.

Ryan Finley è un uomo che è stato costretto a prendere una decisione del genere dopo che sua moglie Jill è finita in coma.

È stato Ryan a trovarla senza risposta e senza respiro. Si è precipitato da lei e ha fatto tutto ciò che era in suo potere per farla riprendere conoscenza fino all’arrivo dei paramedici.

Ha persino praticato la rianimazione cardiopolmonare e ha pregato per un esito positivo, anche se sapeva che le probabilità erano scarse.

I paramedici sono riusciti a far tornare in vita Jill, ma il suo cuore era debole e il suo respiro lento.

È stata portata all’Oklahoma Heart Hospital e messa in una tuta che abbassava la sua temperatura per minimizzare i danni al suo cervello privato di ossigeno.

Sfortunatamente, è sprofondata in un coma. Ryan ha pregato ogni giorno. Non ha mai perso la speranza, ma i giorni si sono trasformati in settimane e gli è stato detto che le probabilità di Jill erano pari a zero.

Gli è stato chiesto di considerare l’opzione di staccarla dal supporto vitale. Ha scritto di quel giorno nel suo diario e le sue parole sono strazianti, per non dire altro.

“Oggi potrebbe essere il giorno peggiore della mia vita. Fondamentalmente devo decidere se morirà o meno”, ha scritto Ryan.

Ha cercato di mettersi nei panni di Jill e ha creduto che lei non avrebbe voluto vivere la sua vita in quel modo, così ha preso la decisione.

L’intera famiglia si è congedata e nel momento in cui la macchina è stata spenta, Jill era ancora lì.

I medici hanno spiegato che non sarebbe morta subito, stava attraversando l’ultima battaglia. In quel momento, Jill ha iniziato a mormorare.

Incredulo, suo marito, che stava vivendo un dolore immenso, lei gli ha detto di portarla via di lì e portarla al Melting Pot o al Ted’s, due dei suoi ristoranti messicani preferiti.

Ryan sapeva che la sua amata ce l’avrebbe fatta, per quanto folle potesse sembrare. E aveva ragione. Jill respirava da sola e ha subito un intervento chirurgico al cuore e riabilitazione.

Parlando del periodo trascorso in coma, Jill ha spiegato che non ricordava nulla, ma aveva problemi con la memoria a breve termine e a pronunciare alcune parole.

Per il resto, si sentiva bene ed era pronta a cogliere questa seconda possibilità che Dio le aveva dato. La coppia è grata di essere ancora insieme e sta andando più forte che mai.

“Noi apprezziamo ogni giorno, ogni minuto, ogni ora adesso”, ha detto Jill. “Non che non lo facessimo prima, ma ci mette solo più in prospettiva”.

\

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il marito guarda mentre la moglie viene staccata dal supporto vitale, ma poi lei si gira e dice “portami via da qui”
Durante il suo matrimonio, una ragazza con una disabilità sorprende tutti camminando da sola