Victoria Arlen era ”cerebralmente morta” e paralizzata: la sua ripresa ha stupito tutti

Essere intrappolati nel proprio corpo, incapaci di muoversi o comunicare e senza che nessuno, incluso se stessi, si renda conto che si è ancora lì potrebbe sembrare il peggiore incubo immaginabile.

Purtroppo, questo era l’inferno in cui è passata l’undicenne Victoria Arlen.

Questa ragazza era vibrante e viveva la sua vita appieno, ma nel tempo ha perso la mobilità nelle gambe ed è rapidamente scivolata in uno stato vegetativo.

I suoi genitori potevano solo assistere impotenti al deterioramento della loro adorabile figlia, incapaci di fare qualcosa per aiutarla.

Tutto è iniziato quando Victoria ha avuto sintomi simili all’influenza e pensava che sarebbe passato in un paio di giorni.

La verità era molto più terrificante, poiché ha perso il controllo delle braccia e non poteva deglutire correttamente.

Dopo essere scivolata in uno stato di coma, sono passati circa due anni in cui era completamente inconsapevole di ciò che stava accadendo intorno a lei, essendo sistemata in un letto d’ospedale e alimentata attraverso un tubo.

Tuttavia, dopo quei due anni, Victoria si ”risvegliò” mentalmente.

Poteva sentire tutto e tutti, ma poiché il suo corpo non collaborava ancora e non poteva muovere alcuna parte di esso, nessuno sapeva che era effettivamente ancora lì; consapevole del suo ambiente, ma intrappolata.

Ha sentito i medici dire ai suoi genitori come fosse cerebralmente morta e avrebbe trascorso il resto della sua vita nello stato vegetativo in cui si trovava.

Nel dicembre del 2009, tuttavia, è riuscita a fare contatto visivo con la sua famiglia e nel 2010 questa coraggiosa ragazza era completamente fuori dallo stato vegetativo.

Dopo essersi svegliata, Victoria ha detto a ESPN: “I miei genitori credevano in me. Hanno allestito una stanza d’ospedale nella nostra casa nel New Hampshire e hanno preso cura di me.

I miei tre fratelli – siamo terzogeniti e abbiamo un fratello maggiore – parlavano con me e mi tenevano informato su cosa stesse succedendo fuori dalla mia stanza.

Mi hanno dato il potere di combattere e diventare più forte. Non sapevano che potevo sentirli, ma potevo.”

I quattro anni di lotta erano ora finiti e questa donna vibrante poteva di nuovo parlare e mangiare da sola.

Ma, ancora non poteva muovere le gambe. La prognosi dei medici era che non avrebbe mai più camminato. Quindi, Victoria si è ritrovata su una sedia a rotelle.

Il primo giorno di scuola dopo essersi svegliata dal coma, i suoi compagni di classe erano ben lungi dall’essere considerati e compassionevoli.

La tormentavano e si facevano beffe di lei, cosa che ha distrutto la volontà di Victoria di lottare ulteriormente.

Fortunatamente, è stato solo un sentimento temporaneo, poiché questa ragazza è nient’altro che una vera combattente.

Col passare del tempo, i suoi fratelli hanno pensato che dovesse tornare a fare nuoto, poiché era brava a farlo.

Anche se inizialmente titubante, Victoria si è tuffata in acqua ed è lì che si è sentita libera di nuovo.

Nel 2012, a soli 17 anni, Victoria ha partecipato ai Giochi Olimpici Paralimpici come parte della squadra di nuoto degli Stati Uniti e ha vinto una medaglia d’oro nei 100 metri stile libero.

Nel 2013, Victoria si è trasferita a San Diego per partecipare al programma Project Walk. Lì, ha lavorato con professionisti che aiutano le persone paralizzate a camminare.

È stato solo due anni dopo, nel 2015, che Victoria ha fatto il suo primo piccolo passo. E da allora non ha mai smesso di camminare.

La storia di questa giovane è davvero incredibile e miracolosa. Parla di coraggio, di bravura e di non arrendersi mai.

La storia di questa giovane è davvero incredibile e miracolosa. Parla di coraggio, di bravura e di non arrendersi mai.”

Valuta l'articolo
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Victoria Arlen era ”cerebralmente morta” e paralizzata: la sua ripresa ha stupito tutti
Il cane si accoccola con il suo fratellino dopo la scuola, conquistando i cuori di 7 milioni di persone